Numero Cromatico

SUBSCRIBE TO

OUR NEWSLETTER

FOLLOW US

La nostra 
canvas bag
in edizione limitata

© 2019 by Numero Cromatico

Messinscèna è un progetto di

Numero Cromatico che vuole analizzare

le attuali realtà artistiche attraverso

un dispositivo di mostre one shot.
Ogni appuntamento è dedicato ad un

unico artista. Verrà esposta una sola opera

che resterà in mostra per cinque ore,

dalle 19:00 alle 00:00, in uno spazio

dedicato e sempre identico.

16 Gennaio 2020

Marta Mancini

Marta Mancini (Roma, 1981) 

Vive e lavora a Roma, dove si è diplomata presso l’Accademia di Belle Arti nel 2006. Muovendo dalla dimensione estetica e psicologica dei suoi primi paesaggi, il lavoro attuale di Mancini riformula questa dinamica dentro la creazione di uno spazio meta-pittorico. 

Tra le mostre personali di rilievo, si ricordano: La molla, Matèria, Roma (2018); Abita, galleria S.A.L.E.S, Roma (2012), Ospiti, 34 Angeli, Roma (2010). Tra le collettive recenti: View/Openwork, a focus on painting, Galleria Monitor, Roma (2019); Exhibit#1, Arimondi Circle, Roma (2019); Ipercorpo – La pratica quotidiana, Oratorio di San Sebastiano, Forlì (2019); Premio Hdrà, Palazzo Fiano, Roma (2019); Premio Lissone per la Pittura, MAC - Museo d’Arte Contemporanea, Lissone (2018); Reazione a catena #2, galleria Bonelli, Milano (2018); The HP Collection, Operativa Arte Contemporanea, Roma (2018); Dialogue, Matèria, Frontiera Studio, Palermo (2018); Rosina#1 - Spectrum, Limone, Londra (2018); La vita della mente, Istituto Svizzero, Roma (2017), Scivolare lentamente, Yellow, Varese (2016).

13 Febbraio 2020

Michele Formica

Michele Formica (1998)

Si avvicina al mondo dei video filmando i suoi amici, il suo paese e lo skateboarding.
Dopo il diploma si trasferisce a Roma dove studia Teorie e Tecniche Dell’Audiovisivo all’Accademia di Belle Arti di Roma. Fonda il collettivo “Goofy Creative Studio” con cui produce video musicali e cortometraggi.
Ha firmato videoclip musicali per Garage Gang; Capibara; Red Bricks Foundation e Mai Stato Altrove. Collabora con diverse riviste e brand come Icon Magazine; InStyle Magazine; Valentino e Fendi. Nel 2019 realizza “To Car Ferry”, il primo documentario sulla realtà

dei portuali Anconetani.

15 maggio 2019 Alessandro Giannì

Alessandro Giannì (1989)
Ha frequentato l'Accademia di Belle Arti di Roma. Nella sua pratica artistica, raccoglie frammenti estetici dai social network e dalla rete con l'ntenzione di dare loro

una nuova esistenza. In una parte del suo lavoro riutilizza i simboli della storia dell'arte

per creare altri paesaggi e altre immagini attribuibili a un'epoca indefinita.

Nel 2014 ha preso parte alla mostra ÑEWPRESSIONISM curata dall'artista greco

Miltos Manetas. Nel 2016 ha partecipato come art director al progetto "Ovalis";

di Enrico Ghezzi ed Emiliano Montanari. In questa occasione, alcune delle sue opere

sono state installate alla 73a Mostra del Cinema di Venezia.

29 maggio 2019

Leonardo Petrucci

Leonardo Petrucci (1986)

Si forma all’Accademia di Belle Arti di Roma, dove si laurea nel 2009 con una tesi

sul rapporto tra arte e alchimia, ambito che ancora caratterizza la sua ricerca.

Dal 2012 lavora nel suo studio presso il Pastificio Cerere nel quartiere di San Lorenzo a Roma.

Ha esposto presso numerosi spazi espostivi, prendendo parte a mostre personali

e collettive in Italia e all’estero.

5 giugno 2019

Federika Fumarola

Federika Fumarola (1981)

Si forma artisticamente sotto la guida di Cesare Tacchi. Nel 2013 si laurea in ‘’Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio artistico Contemporaneo’’ presso l’Accademia di Belle Arti di Roma. I suoi interessi trasversali l’hanno spesso portata alla realizzazione di produzioni ed esposizioni, collaborando con diversi ambiti creativi ed in diversi contenitori spaziali.

12 giugno 2019

Jacopo Tomassini

Jacopo Tomassini (Roma, 1979)

studia Storia e critica del Cinema all'università di Roma “La Sapienza, inizia a lavorare

come aiuto regista in differenti produzioni cinematografiche.

Tra il 2013 e il 2015 frequenta il Master di Fondazione Fotografia Modena. Nel 2010 si avvicina alle arti visive collaborando con diversi artisti, interessato a esplorare nuove aree di ricerca

e di sperimentazione. Dal 2012 inizia la sua ricerca artistica: attraverso l’utilizzo di diversi generi e tecniche espressive - dallo still life al collage, dalla performance all’installazione, dall’assemblage al ritratto - indaga la natura, le ambiguità e le contraddizioni dell’immagine fotografica, giocando con la relazione che da sempre ha con i media della comunicazione

e le altre arti visive.

19 giugno 2019

Silvio Saccà